La mia Harira per Il Club del 27

spicy moroccan-style lamband lentil soup (harira)


per Il Club del 27





Non riesco a capire chi si intestardisce a non voler conoscere il nuovo. Sarò un controsenso vivente, visto che nel post precedente osannavo i sapori della tradizione, ma il bello della vita è anche questo: cambiare idea ogni volta si ritenga sia giusto, senza per questo rinnegare le proprie idee. E poi, penso sia possibile amare qualcosa senza per questo non essere incuriositi da altro e, possibilmente, reinnamorarsi. Sto parlando della cucina , però. Sono sempre affascinata dalle cucine del mondo e non finisce di sorprendermi la quantità di ingredienti, tecniche ed accostamenti che ancora non conosco. Ieri è stata la volta di questa Harira, per cui non smetterò di ringraziare Il Club del 27 , che me l'ha fatta provare, ed il mio amico Biagio ( lui sa perché). Ne avevo sempre sentito parlare, ma, ogni volta, mi era  sembrato troppo complicato reperire tutti gli ingredienti richiesti e non pensavo che poi ne valesse tanto la pena... Sì, sapevo che è considerata la zuppa della conclusione del Ramadan, essendo sempre presente sulle tavole marocchine quando, dopo il digiuno , finalmente si fa festa, ma  la legavo ad immagini che non mi ingolosivano affatto. Beh, mi sono dovuta ricredere: un cucchiaio di Harira mi ha fatto viaggiare in un attimo, portandomi  in luoghi finora solo immaginati, fra profumi , sapori e colori tutti da scoprire! Ho dovuto resistere per non mangiarla tutta dal tegame, prima di portarla a tavola... Avete presente la solita, rassicurante, zuppa di lenticchie? Ecco: scordatevela! E se voleste d'improvviso trovarvi in Marocco, allora\\\ procuratevi gli ingredienti, rifatela, e viaggiate con me!

Ingredienti

Per l'Harissa

5 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 cucchiaio e 1/2 di paprika

4 spicchi di aglio, tritati

2 cucchiaini di coriandolo, macinato

3/4 di cucchiaino di cumino, macinato

1/4 di cucchiaino di pepe di Cayenna

1/8 di cucchiaino di sale

Per la zuppa

450 g di carne di spalla di agnello, tagliata a quadretti, senza alcun grasso visibile (o anche manzo, o vitello)

sale 

pepe

1 cucchiaio di olio extravergine

1 cipolla, tritata finemente

1 cucchiaino di zenzero fresco , grattugiato

1 cucchiaino di cumino macinato

1/2 cucchiaino di paprika

1/4 di cucchiaino di cannella in polvere

1/4 di cucchiaino di pepe di Cayenna

un pizzico di fili di zafferano, sbriciolati

1 cucchiaio di farina comune

2 litri circa di brodo di pollo

1 tazza di lenticchie marroni, nettate e sciacquate

400 g di pomodori, privati dei semi e tagliati in cubetti di 2 cm

400 g di ceci cotti ( se in barattolo, sciacquati)

1/3 di coriandolo fresco, tritato

Procedimento

Per l'Harissa: unite tutti gli ingredienti in una ciotola media; collocatela nel microonde al massimo della temperatura , tenendovelo dai 15 ai 30 secondi:dovrà cominciare a far le bolle. Mettete da parte a raffreddare.

Per la zuppa: preriscaldate il forno a 160°. Condite la carne con sale e pepe. Scaldate l'olio in un'ampia casseruola, adatta ad andare in forno, a fuoco medio alto; rosolatevi i pezzi di carne su tutti i lati, per circa 8 minuti, e trasferiteli su di un piatto. Eliminate dalla pentola tutto l'olio, tranne 2 cucchiai. Riducete la fiamma a fuoco medio, aggiungete la cipolla al grasso rimasto  e cuocetela finché morbida: occorreranno dai 5 ai 7 minuti. Mescolate lo zenzero, il cumino, la paprika, la cannella, il pepe di Cayenna, lo zafferano ed 1/4 di cucchiaino di pepe, per circa 30 secondi. Incorporate la farina

e cuocete per 1 minuto. Incorporate gradualmente il brodo, raschiando con il cucchiaio il fondo della pentola e sciogliendo eventuali grumi. Rimettete i pezzi di agnello nella pentola, portate ad ebollizione e cuocete per altri 10 minuti. Aggiungete le lenticchie,posizionate la pentola in forno e cuocete finché l'agnello e le lenticchie non siano diventate tenere, per circa 50 minuti. Togliete la carne dalla pentola, lasciate raffreddare leggermente, quindi sminuzzate con due forchette la carne, eliminando eventuale grasso. Nel frattempo, incorporate i pomodori ed i ceci e continuate a cuocere  a fuoco lento, per altri 10 minuti, fino a quando i sapori si fonderanno. Mescolate la carne sminuzzata e lasciatelo scaldare, per un paio di minuti.Mescolate il coriandolo ed un quarto di tazza di Harissa,regolando di sale e pepe. Servite, aggiungendo il resto dell'Harissa in ciotola, come condimento.

( da ALL-TIME BEST SOUPS – COOK’S ILLUSTRATED )









Commenti

  1. Questa la devo fare quanto prima!

    RispondiElimina
  2. Deve essere molto gustosa.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto più di quanto immaginassi,Daniela. Baci.

      Elimina
  3. questa l'ho fatta anch'io, ed è proprio buona. sono riuscita a far mangiare lenticchie e ceci anche al mio figliolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi capisci se dico che la stavo finendo a cucchiaiate dalla pentola...

      Elimina
  4. bella bella!!!! e come sai, l'ho fatta pure io.... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, già... Hai letto, più su, i miei ringraziamenti? Adesso tocca a me venire a leggerti...

      Elimina
  5. Che meraviglia anche questa zuppa. Sarebbero da fare tutte!

    RispondiElimina
  6. Anche la tua harira è molto invitante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Adesso devo farmi un giro e vedere le vostre! Baci.

      Elimina
  7. Guarda, ti capisco benissimo. Mio marito non assaggia nemmeno se non sono i soliti piatti monotoni e classici della cucina ìa italiana. Le minestre poi, non ne parliamo. Per lui esiste solo il brodo di carne! Mi ispira un sacco questa minestra, ti dirò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Ma io non demordo: il gusto va educato! Baci.

      Elimina
  8. Ma che buona deve essere. Da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la provi, Rossella, poi raccontami! Un abbraccio.

      Elimina
  9. Da provare anche solo per la harissa fatta in casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, già. Ma ho visto che anche la tua non scherza affatto...Ora comincio il giro ! Un grosso abbraccio, Cinzia.

      Elimina

Posta un commento

Lasciami un commento qui. Ti risponderò in men che non si dica.