mercoledì 4 aprile 2018

Montanare o, meglio, Pizzelle fritte


Montanare o, meglio, pizzelle fritte


per The Recipe-tionist










Le avevo assaggiate per la prima volta anni fa, quando avevo ancora i bambini che gironzolavano in cucina aggrappandosi alle mie gambe quando solo avevo l'intenzione di mettermi ai fornelli.
Quel pomeriggio era passata da noi Alberta, la simpaticissima napoletana,e carissima amica, che a quei tempi abitava ancora sul nostro pianerottolo.
E le ha preparate.
Ricordo perfettamente il piacere provato al primo assaggio, e lo stupore per la semplicità del piatto, ma non ho più provato a rifarle, non so poi perché.
Forse perché a volte si ha paura di rovinare il ricordo che abbiamo di un momento gioioso con una realtà che neanche si avvicina all'originale...
Ma stavolta, i presupposti c'erano tutti: la ricetta di un'amica,Vale,
la voglia di giocare , con The recipe-tionist di Aprile , e una meravigliosa bimba che mi si aggrappava alle gambe, Stella Lu, la mia nipotina.
E il momento di gioia e piacere condiviso si è magicamente ricreato!
Vale, non saranno perfette come le tue, ma hanno fatto un volo e ci hanno dato attimi di gioia.Ti pare poco?







Ingredienti

Per il lievitino:

80 g di farina forte(io 00)
40 g di acqua tiepida
7 g di lievito di birra


Per l'impasto

Lievitino (vedi sopra9
550 g di farina 
50 g di semola di grano duro
350 g di acqua
20 g di sale fino

Per il condimento

500 g di passata di pomodoro
1 spicchio di aglio 
olio evo
basilico
un cucchiaino di zucchero semolato
sale fino qb
olio di arachidi per friggere
parmigiano reggiano 24 mesi

Procedimento

Impastare il lievito di birra insieme alla quantità di farina ed acqua indicata per il lievitino e mettetelo a lievitare in un posto tiepido coperto da un canovaccio umido o pellicola per alimenti per 30 minuti
In una capiente ciotola versate le farine e tutta l’acqua.
 Impastate velocemente con un cucchiaio fino a quando tutta la farina sarà assorbita. Non dovete impastare per ottenere una palla di impasto, ma giusto per non lasciare farina asciutta.
 Aggiungete il lievitino spezzettato e impastate ancora per un paio di minuti.
  • Aggiungete il sale e 1-2 cucchiai d’acqua per aiutarne l’assorbimento e continuate ad impastare fino a quando l’impasto non sarà liscio, circa 10 minuti.
    Coprite con un canovaccio umido o pellicola per alimenti e mettete a lievitare per 30 minuti.

  • Trascorso il tempo prelevate l’impasto dalla ciotola e disponetelo sulla spianatoia leggermente infarinata. Fate un giro di pieghe a tre e rimettetelo in ciotola a lievitare. Dopo 30 minuti ripetete il giro di pieghe. Dopo il secondo giro di 3 pieghe, lasciar lievitare l’impasto per un’ora.
    Sgonfiate l’impasto e pesate tanti pezzi da circa 100-110 g. Prendete ogni singolo pezzo e preparate delle piccole palline disponendole su una teglia/spianatoia/vassoio infarinati, spolverate di farina, e coperte con un canovaccio umido per farle lievitare fino al raddoppio. Ci potranno volere, a seconda del lievito usato, dell’umidità in casa e della temperatura, dalle 2 alle 4 ore.
  • 3)
    Prendete una pallina e schiacciatela leggermente e uniformemente in modo da creare un disco dallo spessore uniforme. Schiacciate nuovamente ma questa volta solo al centro, cercando di creare un “incavo” abbastanza pronunciato ma senza assottigliare troppo la pasta.In una pentola alta per una frittura per immersione, mettere a scaldare l’olio di semi. Quando l’olio sarà arrivato in temperatura (170°) prendete la pizza e fatela friggere fino a doratura prima da un lato poi dall’altro.
    Scolate su carta assorbente, conditela con un cucchiaio di salsa di pomodoro, un po’ di parmigiano e una foglia di basilico e servite .










Con questa ricetta, partecipo a