giovedì 29 marzo 2018

Tart con verdure primaverili e ricotta

Tart con verdure primaverili e ricotta









Ecco la Recake di marzo!

Una torta salata ideale per la primavera incipiente, perfetta sulla tavola di Pasqua o ai primi picnic sull'erba. E non è il solito "mappazzone",anzi: la pasta phillo regala la sua friabilità e leggerezza e la ricotta con le prime verdure primaverili è un abbinamento che non stanca mai, tanto più se unita al pecorino e ad un pizzico di aglio, come qui.
Insomma, non ci sono scuse per non provarla. Io ho scelto di fare home made la pasta phillo, che richiede solo un po' di tempo in più ma vuoi mettere la soddisfazione...
Al posto dei carciofi della ricetta ho usato le prime zucchine, e al posto del porro i cipollotti, le cui foglie mi sono servite, intrecciate, anche come elemento decorativo.
Stasera arriveranno, per le vacanze pasquali, mia figlia Giulia con il compagno e la piccola Stella Lu, e, essendo loro vegetariani, la tart sarà perfetta da servire.


**Ricetta tratta dal blog Proud Italian Cook**

Ingredienti
  • Per una teglia rettangolare di 30x19 cm(io quadrata di 20 cm di lato)
  • 500 g di ricotta
  • 1 uovo
  • 1 spicchio di aglio finemente tritato
  • una manciata di basilico fresco
  • 20 g di pecorino grattugiato
  • 20 g di fontina grattugiata
  • 25 g di Asiago grattugiato
  • 8 fogli di pasta phillo
  • 1 mazzetto di asparagi
  • un  porro (io due cipollotti di 150 g)
  • 60 g di fave (o piselli)
  • 4 carciofi (io 200 g di piccole zucchine)
  • 150 g di pomodorini
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extravergine di oliva

  • Per la pasta phillo:
  • 150 grammi di manitoba (io farina 0)
  • 80 ml di acqua calda
  • 3 cucchiaini di olio evo
  • ½ cucchiaino di sale
Procedimento

Preparate la pasta phillo.
  1. Mettete nella planetaria tutti gli ingredienti e impastate finché non avrete ottenuto un bel panetto elastico (io, viste le quantità minime, ho preferito lavorare a mania mano).
  2. Formate una palla, coprite con pellicola e fate riposare almeno per un'ora.
  3. Riprendete la pasta e dividetela in 5 palline da 45 grammi.
  4. Stendete una pallina alla volta, molto sottilmente. Se usate l'Imperia passate la pasta una volta a 4, una a 2 e una volta a 1. Dovrete ottenere 5 strisce da 45x15 cm.( Io, una volta stesa allo spessore minimo, l'ho ulteriormente assottigliata tirandola con il dorso delle mani. Si lavora benissimo).
  5. Preparate la tart.
  6. Pulite i carciofi, tagliateli a spicchi e metteteli in acqua acidulata.( io ho affettato e saltato velocemente le zucchine in poco olio) Tagliate i pomodorini a metà e conditeli con un pizzico di sale.
  7. Lessate le fave per qualche minuto in acqua salata, scolatele ed eliminate la pellicina. Tagliate gli asparagi mettendo le punte da parte e tagliando a tocchetti il resto. Lessate anche questi per qualche minuto, scolateli e mettete le punte in acqua e ghiaccio (per mantenere il colore più brillante). Affettate il porro(io i cipollotti), quindi mettetelo in padella con un bel giro d’olio. Aggiungete i carciofi(io le zucchine) ,le fave e gli asparagi a tocchetti. Regolate di sale e pepe.
  8. In una ciotola riunite la ricotta, il pecorino, l’Asiago, la fontina, il basilico, l’aglio e le uova. Regolate di sale e pepe. Mescolate finché non è tutto ben amalgamato. Unite anche metà delle verdure spadellate in precedenza.
  9. Ungete con l’olio un foglio di pasta phllo e mettetelo nella teglia rivestendo anche i bordi, quindi sovrapponete con il secondo, ungete e proseguite così fino all’ultimo foglio.
  10. A questo punto, versate la ricotta sulla pasta fillo e livellate bene.
  11. Disponete sopra la ricotta le verdure rimaste, le punte degli asparagi e i pomodorini.
  12. Completate con un giro d’olio e, se volete, una manciata di pecorino.
  13. Cuocete in forno caldo a 200 gradi e controllate dopo 15 minuti. Il guscio dovrà essere dorato e croccante. Qualora dovesse dorarsi troppo, coprite con un foglio di alluminio.
  14. Sfornate e servite tiepida o fredda