martedì 25 aprile 2017

Polpettine di finocchietto in agrodolce





Frittelle di finocchietto in agrodolce

per IL CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO










Site Logo
CCI_04Aprile


Può un odore riportare indietro di cinquanta anni,all'istante? Quando, per la Giornata nazionale della Scampagnata ,ho  deciso di proporre questa ricetta al Calendario del cibo italiano, appena ho messo a cuocere il finocchietto nell'acqua bollente, mi sono ritrovata bambina, nella casa dei nonni materni, a Librizzi, un paesino dei Nebrodi.
La nonna Maria aveva una cucina di tradizione, con piatti il cui comune denominatore era sempre la qualità degli ingredienti, oltre che il cuore, filo conduttore in qualunque cosa lei facesse.
Ora,le frittelle di finocchietto non erano una sua ricetta, ma ho conosciuto ed amato questa erba aromatica grazie a lei, che usava aggiungerne, appena raccolto lungo le strade di collina, profumatissimo, per aggiungerlo al tradizionale minestrone, o alla "minestra di campagna",  come lei chiamava un misto di verdure selvatiche in cui il finocchietto non poteva mai mancare.
Ed è alla campagna dei nonni che la mia memoria associa la scampagnata, perchè era da loro che, da piccoli, ed insieme , andavamo ogni qual volta vi era la possibilità di fare un pranzo di festa all'aperto. Ed era gioia e spensieratezza, anche quando il cielo si era rabbuiato , solo per il fatto di essere insieme.

Ingredienti

Finocchietto selvatico g 300
Pangrattato g80 
Uovo n.1
Pecorino g70
Passata di pomodoro g 700
Un cipollotto
Uvetta passa g 40
Pinoli g30
Pangrattato per la panatura
Olio evo
Sale
Pepe
Per l'agrodolce, sciogliere in mezzo bicchiere di aceto 50 g di zucchero (io di canna)


Procedimento

Dopo aver nettato il finocchietto, eliminando le parti più coriacee, porlo  in acqua bollente fin quando sarà giustamente tenero.
Scolarlo e, intiepidito, tagliarlo in pezzi e passarlo al cutter.
Mescolarlo al pangrattato, l' uovo, il pecorino e regolare di sale e pepe.

Formare delle polpettine della grossezza desiderata e passarle nel pangrattato, prima di friggerle in olio profondo.


Per la salsa agrodolce, porre ad appassire il cipollotto finemente tritato in poco olio evo, aggiungere la passata di pomodoro, l'uvetta ed i pinoli, e far cuocere per una ventina di minuti, regolando di sale e pepe. 
Unire le polpettine fritte, fare insaporire per una decina di minuti ed infine , aumentando il fuoco, versarvi l'aceto mescolato allo zucchero e fare evaporare.
Servire a temperatura ambiente.




Posta un commento